Tag: <span>EMDR come funziona</span>

EMDR e Neuroscienze: come e perchè funziona

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una tecnica di psicoterapia che si è dimostrata efficace nel trattamento del disturbo post-traumatico da stress (PTSD). Tuttavia, i meccanismi alla base del funzionamento dell’EMDR non sono ancora del tutto chiari.

Il modello dell’Elaborazione Adattiva dell’Informazione (AIP), alla base dell’EMDR, suggerisce che i ricordi del trauma immagazzinati in modo disadattivo creano ostacoli all’elaborazione razionale delle informazioni, che avviene nell’area della corteccia prefrontale del cervello.

Si ipotizza pertanto che la stimolazione bilaterale, attraverso i movimenti oculari o altri meccanismi tattili o acustici, rimuova questi ostacoli e permetta l’elaborazione completa del ricordo, portando a una riduzione dei sintomi del trauma.

EMDR e Neuroscienze
EMDR e Neuroscienze

Che cosa è l’Adaptive Information Processing (AIP)

Il modello dell’elaborazione adattiva dell’informazione (AIP) è il quadro teorico alla base della terapia EMDR. Il modello AIP suggerisce che il disagio psicologico e i sintomi derivano da ricordi ed esperienze non elaborati che vengono immagazzinati in modo disadattivo nel cervello.

Secondo il modello AIP, questi ricordi ed esperienze non elaborati possono essere accessibili e rielaborati attraverso una stimolazione bilaterale, come i movimenti oculari, che facilitano l’integrazione del materiale traumatico nelle reti di memoria adattive.

L’obiettivo della terapia EMDR è quello di facilitare la rielaborazione di questi ricordi ed esperienze, consentendo lo sviluppo di reti neurali più adattive e il potenziamento delle risposte positive in futuro.

Il modello AIP sottolinea anche l’importanza di affrontare il quadro clinico complessivo, comprese le esperienze passate, i fattori scatenanti attuali e gli obiettivi futuri, al fine di ottenere una guarigione completa. La terapia EMDR mira a colpire le cause sottostanti del disagio e della disfunzione, anziché limitarsi ad alleviare i sintomi, affrontando i ricordi e le esperienze che contribuiscono alle difficoltà del cliente.

Inoltre, il modello AIP evidenzia l’interconnessione di vari approcci terapeutici, come le pratiche psicodinamiche, cognitivo-comportamentali e sistemiche, nell’applicazione della terapia EMDR. La terapia EMDR integra elementi di questi diversi approcci per fornire un trattamento completo che risponda alle esigenze e alle esperienze uniche del cliente.

In sintesi, il modello dell’elaborazione adattiva delle informazioni (AIP) è il fondamento teorico della terapia EMDR: presume che il disagio psicologico derivi da ricordi ed esperienze non elaborati e che la terapia EMDR miri a rielaborare e integrare questi ricordi per promuovere un funzionamento adattivo e risposte positive in futuro.

Tipologie di Stimolazione Bilaterale

La stimolazione bilaterale è una tecnica terapeutica che prevede l’utilizzo di stimoli sensoriali, come suoni, battiti e movimenti oculari, per attivare entrambi i lati del cervello secondo uno schema ritmico.

Ecco alcuni esempi di schemi ritmici utilizzati nella stimolazione bilaterale:

  • Stimolazione bilaterale uditiva: Può comportare l’ascolto di toni che si alternano tra il lato destro e quello sinistro della testa.
  • Stimolazione bilaterale tattile: Può consistere nell’attraversare il corpo in uno schema ritmico, come i colpetti a farfalla, in cui si mette la mano destra sulla spalla sinistra e la mano sinistra sulla spalla destra, e poi si alternano colpetti delicati su ciascuna spalla in un ritmo o schema coerente.
  • Stimolazione bilaterale basata sul movimento: Si tratta di attività come camminare, fare jogging o battere su un tamburo con le mani alternate.
  • Stimolazione bilaterale basata sui movimenti oculari: Si tratta di un elemento centrale della terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR), che consiste nel seguire con gli occhi le dita del terapeuta o una luce in movimento secondo uno schema ritmico.

Nel complesso, la stimolazione bilaterale è una tecnica versatile che può essere utilizzata in diversi contesti terapeutici per aiutare i clienti a elaborare i ricordi traumatici e promuovere la guarigione.

Gli schemi ritmici utilizzati nella stimolazione bilaterale possono variare a seconda del tipo di stimoli sensoriali utilizzati, ma tutti implicano l’attivazione di entrambi i lati del cervello in uno schema ritmico.

Teorie sul Funzionamento dell’EMDR

Da quando Francine Shapiro ha introdotto questa terapia nel 1989, sono state avanzate molte teorie riguardo al motivo per cui l’EMDR sia efficace. Esploriamo le principali teorie che cercano di chiarire le basi neurobiologiche dietro l’efficacia dell’EMDR, fornendo una comprensione approfondita di come potrebbe funzionare a livello cerebrale.

Modello Adattativo dell’Informazione (AIM)

Proposto da Shapiro, l’AIM suggerisce che l’EMDR faciliti la connessione tra le reti neurali disadattive (associate ai ricordi traumatici) e quelle adattive. Questo modello sostiene che i movimenti oculari facilitino l’accesso a reti neurali adattive, permettendo al cervello di rielaborare l’informazione traumatica in un modo meno perturbante.

L’Analogia con il Sonno REM e il Ruolo delle Saccadi

Il sonno a movimento oculare rapido (REM) ha sempre giocato un ruolo centrale nella nostra comprensione dei processi di elaborazione emotiva e di consolidamento della memoria. Secondo una teoria formulata da Stickgold, i movimenti oculari caratteristici dell’EMDR potrebbero avere una funzione simile alle saccadi del sonno REM. Questi movimenti, infatti, potrebbero aiutare a ripristinare un equilibrio neurobiologico, portando a un’elaborazione più efficace dei ricordi traumatici e riducendo l’incidenza di risposte emotive negative. Questa analogia suggerisce che l’EMDR potrebbe sfruttare meccanismi simili a quelli operativi durante il sonno REM per favorire la guarigione.

Differenze con la Terapia di Esposizione e il Riconsolidamento della Memoria

La terapia di esposizione ha una lunga storia di efficacia nel trattamento dei disturbi correlati ai traumi, ma l’EMDR sembra operare attraverso percorsi leggermente differenti. Landin-Romero e altri autori avanzano l’idea che l’EMDR possa indurre un processo di riconsolidamento della memoria, permettendo la rielaborazione e la modifica dei ricordi traumatici. Questo non solo offre una nuova prospettiva sul modo in cui l’EMDR opera, ma pone anche l’accento su regioni cerebrali come l’ippocampo e l’amigdala, essenziali per l’elaborazione e la conservazione della memoria.

Teoria dell’Orientamento Duale

Secondo questa teoria, i movimenti oculari in EMDR aiutano a riequilibrare il sistema di orientamento del cervello, che può essere iperattivo a seguito di traumi. I movimenti oculari possono ridurre l’arousal, permettendo al cervello di processare le informazioni traumatiche senza diventare eccessivamente allarmato.

Teoria Polivagale

Basata sulla teoria polivagale di Stephen Porges, questa teoria sostiene che l’EMDR possa influenzare il sistema nervoso autonomo, in particolare il nervo vago, che gioca un ruolo cruciale nella regolazione dell’arousal e della risposta allo stress. L’EMDR potrebbe aiutare a riportare il sistema in uno stato di “sicurezza”, facilitando la rielaborazione dei ricordi traumatici.

Teoria della Distrazione

Alcuni ricercatori suggeriscono che i movimenti oculari servano semplicemente come una distrazione, riducendo l’intensità emotiva delle memorie traumatiche e permettendo una rielaborazione più facile. Questa teoria è stata meno accettata rispetto ad altre, dato che sminuisce l’importanza dei meccanismi neurobiologici alla base dell’EMDR.

Teoria del Processamento Sensoriale

Questa teoria propone che i movimenti oculari e altre stimolazioni bilaterali utilizzate nell’EMDR (come i suoni o i tap bilaterali) possano attivare entrambi gli emisferi cerebrali, promuovendo una maggiore integrazione tra l’emisfero sinistro (più logico e linguistico) e l’emisfero destro (più emotivo e creativo). Ciò può facilitare una rielaborazione completa dei ricordi traumatici.

Studi di Neuroimaging

Gli studi di neuroimmagine hanno fornito prove preliminari sui correlati neuronali della terapia EMDR. Questi studi hanno mostrato cambiamenti nell’attività cerebrale prima, durante e dopo la terapia EMDR, suggerendo che l’EMDR può avere un impatto sulle reti neurali coinvolte nell’elaborazione emotiva e nella memoria.

Inoltre, è stato dimostrato che l’EMDR provoca cambiamenti morfovolumetrici nel cervello. Ad esempio, i cambiamenti successivi all’EMDR in pazienti con PTSD hanno incluso un aumento significativo del volume della materia grigia nel giro paraippocampale sinistro e una diminuzione significativa nella regione del talamo sinistro.

Studi di Elettrofisiologia

Uno studio che ha utilizzato l’elettroencefalogramma (EEG) ha rilevato che i movimenti oculari bilaterali, una componente chiave della terapia EMDR, migliorano l’interazione interemisferica. Ciò suggerisce che i movimenti oculari utilizzati nell’EMDR possono facilitare la comunicazione tra gli emisferi cerebrali.

Studi di Neurofisiologia

Studi neurofisiologici hanno dimostrato che l’EMDR disattiva in modo efficace le regioni del mesencefalo coinvolte nella downregulation dell’iperarousal del sistema nervoso autonomo (SNA).
Inoltre, attiva aree come l’ippocampo, la corteccia cingolata anteriore (ACC), la corteccia prefrontale mediale (mPFC) e la corteccia orbitofrontale (OFC), che svolgono ruoli cruciali nei processi cognitivi, affettivi e comportamentali.

Questi risultati suggeriscono che la terapia EMDR non solo aiuta a disattivare le regioni del cervello posteriore implicate nell’iperarousal, ma attiva e modifica anche le aree cerebrali coinvolte in processi cognitivi ed emotivi cruciali, portando in ultima analisi a una riduzione dei sintomi del trauma e a un miglioramento della salute mentale.

Il Ruolo dell’Ippocampo nella Rielaborazione dei Traumi

Il ruolo dell’ippocampo nel consolidamento della memoria durante la terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari (EMDR) è stato studiato negli anni dalle neuroscienze. .

L’ippocampo è una struttura cerebrale cruciale coinvolta nella formazione e nel consolidamento dei ricordi. Svolge un ruolo fondamentale nella codifica e nel recupero dei ricordi episodici e spaziali. Durante il consolidamento della memoria, l’ippocampo interagisce con altre regioni cerebrali, come la corteccia entorinale, per integrare le nuove informazioni nelle reti di memoria esistenti.

Il Consolidamento della Memoria

Le ricerche suggeriscono che l’ippocampo è coinvolto nella codifica iniziale e nell’immagazzinamento temporaneo dei ricordi, ma col tempo le informazioni vengono gradualmente trasferite ad altre regioni cerebrali per l’immagazzinamento a lungo termine. Questo processo, noto come consolidamento della memoria, comporta la riorganizzazione e il rafforzamento delle connessioni neurali, consentendo una memorizzazione stabile dei ricordi.

L’ippocampo è coinvolto anche negli aspetti contestuali della memoria, collegando tra loro diversi elementi di un’esperienza: aiuta a formare associazioni tra i diversi input sensoriali e le informazioni contestuali, consentendo il recupero dei ricordi in contesti specifici.

Nel contesto della terapia EMDR, si propone che la stimolazione bilaterale, come i movimenti oculari, utilizzata nell’EMDR possa facilitare il riconsolidamento dei ricordi traumatici. Questo processo potrebbe comportare l’attivazione di regioni cerebrali coinvolte nell’elaborazione della memoria, tra cui l’ippocampo.

Tuttavia va detto che sono necessarie ulteriori ricerche per indagare specificamente il ruolo dell’ippocampo nel consolidamento della memoria durante la terapia EMDR.

Processi su cui agisce l’EMDR

La terapia EMDR aiuta i processi cognitivi, affettivi e comportamentali attivando e lavorando con le regioni cerebrali coinvolte in questi processi. In particolare, la terapia EMDR:

Processi cognitivi: L’EMDR attiva l’ippocampo, la corteccia cingolata anteriore (ACC), la corteccia prefrontale mediale (mPFC) e la corteccia orbitofrontale (OFC), che sono coinvolte nel consolidamento della memoria, nel controllo cognitivo e nel processo decisionale. Questo aiuta le persone a rielaborare i ricordi traumatici e a sviluppare nuove prospettive adattive sulle loro esperienze.

Processi affettivi: L’EMDR disattiva in modo efficace le regioni del cervello posteriore coinvolte nella downregulation dell’iperarousal del sistema nervoso autonomo (ANS). Ciò contribuisce a ridurre l’angoscia emotiva e l’ansia associate ai ricordi traumatici, consentendo agli individui di gestire meglio le loro risposte emotive ai fattori scatenanti.

Processi comportamentali: Intervenendo sui processi cognitivi e affettivi, la terapia EMDR può portare a cambiamenti nel comportamento. Quando gli individui sviluppano nuove prospettive sulle loro esperienze traumatiche e gestiscono meglio le loro risposte emotive, possono mostrare strategie di coping più sane e migliorare il funzionamento nella vita quotidiana.

Altre Tecnice Terapeutiche che usano la Stimolazione Bilaterale

La stimolazione bilaterale è una tecnica terapeutica che prevede come detto l’utilizzo di stimoli sensoriali, come suoni, colpetti e movimenti oculari, per attivare entrambi i lati del cervello. È un elemento centrale della terapia EMDR ma viene utilizzato anche in altri contesti e pratiche terapeutiche.

Ecco alcune altre tecniche terapeutiche che utilizzano la stimolazione bilaterale:

  • Terapia cognitivo-comportamentale focalizzata sul trauma (TF-CBT): È un tipo di terapia che aiuta i bambini e gli adolescenti che hanno subito un trauma. Utilizza una serie di tecniche, tra cui la stimolazione bilaterale, per aiutare i clienti a elaborare i ricordi traumatici e a sviluppare abilità di coping.
  • Brainspotting: È un tipo di terapia che utilizza la posizione degli occhi per aiutare i clienti ad accedere ai ricordi traumatici e ad elaborarli. Si tratta di identificare un “punto cerebrale”, cioè un punto del campo visivo che corrisponde all’esperienza emotiva o fisica del trauma, e di utilizzare la stimolazione bilaterale per elaborare il ricordo.
  • Esperienza somatica: È un tipo di terapia che si concentra sulle sensazioni fisiche associate al trauma. Utilizza la stimolazione bilaterale, tra le altre tecniche, per aiutare i clienti a rilasciare la tensione e a regolare il sistema nervoso.
  • Tecniche di libertà emozionale (EFT): È un tipo di terapia che prevede il picchiettamento di punti specifici del corpo mentre ci si concentra su un ricordo traumatico o un’emozione negativa. Il picchiettamento è una forma di stimolazione bilaterale che si ritiene aiuti a rilasciare i blocchi emotivi e a promuovere la guarigione.
  • Tecnica di agopressione Tapas (TAT): È un tipo di terapia che prevede il mantenimento di specifici punti di agopressione sul corpo mentre ci si concentra su un ricordo traumatico o un’emozione negativa. Si tratta di una forma di stimolazione bilaterale che si ritiene aiuti a sciogliere i blocchi emotivi e a promuovere la guarigione.

Nel complesso, la stimolazione bilaterale è una tecnica versatile che può essere utilizzata come processo o procedura in diversi contesti terapeutici.

Conclusioni su EMDR e Neuroscienze

In conclusione, sebbene gli esatti meccanismi d’azione dell’EMDR siano ancora in fase di studio, sono state proposte diverse teorie per spiegarne le basi neurobiologiche.

Queste teorie suggeriscono che l’EMDR potrebbe coinvolgere processi quali il consolidamento della memoria, il riconsolidamento e la modulazione dell’attività cerebrale nelle regioni coinvolte nell’elaborazione emotiva e nella memoria.

Sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i meccanismi alla base della terapia EMDR e la sua efficacia nel trattamento del PTSD.

Bibliografia

  • Landin-Romero, R., Moreno-Alcázar, A., Pagani, M., & Amann, B. (2018). Come funziona la terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari? Una revisione sistematica sui meccanismi d’azione suggeriti. Frontiers in Psychology, 9. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2018.01395.
  • Pagani, M., Amann, B., Landin-Romero, R., & Carletto, S. (2017). Desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari e sonno a onde lente: un meccanismo d’azione putativo. Frontiers in Psychology, 8. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2017.01935.
  • Propper, R., Pierce, J., Geisler, M., Christman, S. e Bellorado, N. (2007). Effetto dei movimenti oculari bilaterali sulla coerenza gamma eeg interemisferica frontale. The Journal of Nervous and Mental Disease, 195(9), 785-788. https://doi.org/10.1097/nmd.0b013e318142cf73
  • Stickgold, R. (2001). Emdr: un meccanismo d’azione neurobiologico putativo. Journal of Clinical Psychology, 58(1), 61-75. https://doi.org/10.1002/jclp.112
  • Stickgold, R. (2001). Emdr: un meccanismo d’azione neurobiologico putativo. Journal of Clinical Psychology, 58(1), 61-75. https://doi.org/10.1002/jclp.1129
  • Buzsáki, G. e Moser, E. (2013). Memoria, navigazione e ritmo theta nel sistema ippocampale-entorinale. Nature Neuroscience, 16(2), 130-138. https://doi.org/10.1038/nn.3304
  • Landin-Romero, R., Moreno-Alcázar, A., Pagani, M., & Amann, B. (2018). Come funziona la terapia di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari? Una revisione sistematica sui meccanismi d’azione suggeriti. Frontiers in Psychology, 9. https://doi.org/10.3389/fpsyg.2018.01395.
  • Shapiro, F. (2014). Il ruolo della terapia di desensibilizzazione e rielaborazione dei movimenti oculari (emdr) in medicina: affrontare i sintomi psicologici e fisici derivanti da esperienze di vita avverse. The Permanente Journal, 18(1), 71-77. https://doi.org/10.7812/tpp/13-098
  • Shapiro, F. e Laliotis, D. (2010). L’Emdr e il modello di elaborazione adattiva delle informazioni: trattamento integrativo e concettualizzazione dei casi. Clinical Social Work Journal, 39(2), 191-200. https://doi.org/10.1007/s10615-010-0300-7

Le 8 Fasi della Tecnica EMDR

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una tecnica di psicoterapia che aiuta le persone a elaborare le esperienze traumatiche.

La tecnica EMDR consiste in otto fasi che forniscono una struttura per il processo di trattamento. Queste otto fasi fungono da “mappa” per il terapeuta EMDR e descrivono ciò che accade durante ogni fase. Ogni fase si concentra su un aspetto particolare del trattamento e tutte e otto le fasi contribuiscono all’effetto complessivo della terapia EMDR.

Obiettivo della Terapia EMDR

L’obiettivo della terapia EMDR è quello di facilitare l’elaborazione accelerata delle informazioni e di aiutare le persone a guarire da esperienze traumatiche

Il tempo necessario per completare la terapia EMDR varia a seconda dell’individuo e della gravità del trauma. Una tipica sessione di terapia EMDR dura dai 60 ai 90 minuti e possono essere necessarie una o più sessioni per elaborare un’esperienza traumatica.

Si può trovare una descrizione completa della teoria, della sequenza delle fasi del trattamento e della ricerca sui protocolli e sui meccanismi attivi, nel libro di F. Shapiro (2019) “Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari: Principi di base, protocolli e procedure” edito per Raffaello Cortina Editore

La terapia concentra l’attenzione su tre momenti: il passato, il presente e il futuro. Ci si focalizza su ricordi traumatici e sui relativi eventi appartenenti al passato, si tiene conto delle situazioni presenti che causano disagio e si porta il paziente a sviluppare capacità e tecniche necessarie ad affrontare con successo il futuro.

Le 8 fasi della Tecnica EMDR

Le otto fasi della terapia EMDR sono:

  1. Rilevazione della storia e pianificazione del trattamento: In questa fase, il terapeuta raccoglie informazioni sulla storia del cliente e identifica i ricordi target.
  2. Preparazione: Il terapeuta spiega il processo della terapia EMDR, i termini e stabilisce le aspettative. Vengono affrontati tutti i dubbi e le domande del cliente e viene creato un ambiente sicuro.
  3. Valutazione: Il terapeuta esamina e valuta in modo approfondito i ricordi, i sentimenti, le convinzioni, ecc.
  4. Desensibilizzazione: Il terapeuta utilizza i movimenti oculari o altre forme di stimolazione bilaterale per elaborare i ricordi.
  5. Installazione: Vengono installate credenze positive su di sé per sostituire le credenze e gli affetti negativi associati ai ricordi.
  6. Scansione corporea: Qualsiasi sintomo fisiologico residuo viene eliminato con un’ulteriore stimolazione bilaterale.
  7. Chiusura: Il cliente viene riportato a un equilibrio sicuro e tranquillo al termine della seduta.
  8. Rivalutazione: Il terapeuta verifica che tutti gli aspetti della memoria siano stati completamente elaborati.

Fase 1 – Raccolta della storia e definizione degli obiettivi

La prima fase consiste in una o più sessioni di raccolta dell’anamnesi. Il terapeuta valuta la preparazione del paziente e elabora un piano per il trattamento.

Insieme paziente e dottore identificano i possibili obiettivi della terapia che possono essere ricordi angoscianti, così come situazioni presenti che causano un disturbo emotivo, o anche incidenti correlati avvenuti nel passato. Viene sottolineata anche l’importanza di sviluppare abilità e comportamenti specifici che saranno utili al paziente in situazioni future.

Se il paziente ha avuto un’infanzia problematica, la parte iniziale della terapia può essere diretta ad avvenimenti relativi ad essa, piuttosto che a fattori stressanti della vita adulta o  particolari incidenti critici. Generalmente quando i soggetti sviluppano nuove intuizioni, il disagio emotivo si risolve e iniziano a cambiare il proprio comportamento.

La lunghezza del trattamento dipende dal numero di traumi accumulati e dall’età di sviluppo del PTSD: generalmente pazienti con un singolo evento traumatico risalente all’età adulta (il cosiddetto T grande) possono essere trattati con successo in meno di 5 ore, mentre le vittime di traumi multipli richiedono un trattamento più lungo.

Vignetta Clinica della fase 1

Durante il mio percorso come terapeuta, ho avuto il privilegio di lavorare con Maria, una coraggiosa donna di 35 anni che aveva vissuto un’aggressione sessuale durante la sua adolescenza. Questo traumatico evento aveva lasciato profonde cicatrici emotive, manifestandosi sotto forma di sintomi del disturbo post-traumatico da stress (PTSD). Desiderando affrontare e superare questo dolore, Maria scelse di intraprendere un percorso terapeutico attraverso la terapia EMDR.

Nella nostra prima sessione, ho dedicato tempo a comprendere a fondo la storia di Maria, raccogliendo la sua dettagliata anamnesi e costruendo con lei un rapporto di fiducia e comprensione. Durante questo incontro, abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul ricordo dell’aggressione, identificandolo come il punto centrale del nostro lavoro terapeutico.

Ho spiegato a Maria il percorso e le metodologie dell’EMDR, assicurandomi che lei si sentisse a proprio agio e sicura nell’ambiente terapeutico. Durante la nostra conversazione, Maria ha manifestato alcune comprensibili preoccupazioni e dubbi riguardo al processo. Con pazienza e empatia, ho risposto alle sue domande, cercando di dissipare ogni sua incertezza e rassicurandola sulla validità e l’efficacia dell’approccio EMDR.

Inoltre, ho sottolineato con Maria l’importanza di sviluppare e integrare nuove abilità e comportamenti che le avrebbero fornito strumenti concreti da utilizzare in situazioni future, permettendole di affrontare eventuali trigger o difficoltà con maggiore resilienza.

Insieme, abbiamo deciso di proseguire con la terapia EMDR e, forte della fiducia reciproca, ho programmato la nostra successiva sessione, pronti ad intraprendere questo percorso di guarigione e rinascita.

Fase 2 – Preparazione del Paziente

La fase 2 della tecnica EMDR svolge un ruolo cruciale nel preparare il paziente al successivo lavoro terapeutico.

Durante questa tappa, l’accento viene posto sulla sicurezza emotiva del paziente, poiché nelle sessioni a venire potrebbero emergere ricordi traumatici o esperienze dolorose. Il terapeuta introduce il paziente a vari metodi e strumenti per aiutarlo a gestire e controllare eventuali disagi emotivi. Questo può includere la presentazione di immagini rilassanti o la guida attraverso esercizi di visualizzazione, al fine di aiutare il paziente a raggiungere uno stato di calma.

Un aspetto distintivo dell’EMDR è la sua capacità di produrre risultati terapeutici in tempi relativamente brevi. Tuttavia, ciò non deve compromettere il benessere del paziente tra una sessione e l’altra.

È quindi essenziale che durante la fase 2, il terapeuta stabilisca un solido rapporto di fiducia con il paziente, assicurando che quest’ultimo si senta supportato durante tutto il percorso.

La fase 2 mira inoltre a fornire al paziente gli strumenti e le risorse necessarie per gestire eventuali crisi emotive che potrebbero emergere tra le sessioni, garantendo un percorso terapeutico sicuro e continuo.

La finalità è sempre che, mentre l’EMDR porta a cambiamenti significativi, il paziente mantenga un equilibrio emotivo durante tutto il trattamento.

Vignetta Clinica della fase 2

Durante la nostra seconda sessione, ho avuto l’opportunità di approfondire con Maria la comprensione del processo EMDR. Le ho illustrato con cura ogni fase, assicurandomi che comprendesse la natura progressiva e integrativa del trattamento. Essendo consapevole della sua vulnerabilità e dei possibili affioramenti di forti emozioni, ho condiviso con Maria diverse tecniche di rilassamento. Queste tecniche l’avrebbero aiutata a ritrovare la calma e a gestire efficacemente qualsiasi turbamento emotivo durante o al di fuori delle nostre sessioni.

La costruzione di un rapporto di fiducia è stata fondamentale. Volevo che Maria sapesse che, in quel percorso, non era sola e che avrebbe sempre avuto un punto di riferimento solido e professionale in me. Abbiamo anche esplorato insieme strumenti e risorse che potevano servire a Maria come ancoraggi, qualora avesse attraversato momenti particolarmente intensi tra una sessione e l’altra.

Nonostante la sua determinazione, era naturale che Maria avesse delle preoccupazioni. Le sue domande erano legittime e riflettevano la profondità della sua esperienza traumatica. Ho accolto ogni suo dubbio con attenzione, offrendo risposte chiare e rassicurazioni. Inoltre, abbiamo discusso sull’importanza di integrare nel suo quotidiano nuove abilità e comportamenti che la avrebbero aiutata a fronteggiare situazioni potenzialmente stressanti in futuro.

Alla fine della nostra sessione, ho percepito in Maria una crescente fiducia non solo nel processo terapeutico, ma anche in se stessa. Convinta della validità del percorso intrapreso, ha deciso di proseguire con la terapia EMDR. Con reciproca determinazione, abbiamo quindi programmato il nostro prossimo incontro, pronti a continuare insieme il viaggio verso la sua guarigione.

Fasi 3,4,5,6 – Rielaborazione e Desensitizzazione

Dalla fase tre alla sei si identifica un obiettivo da elaborare tramite le procedure della terapia. Il paziente deve quindi concentrarsi su tre cose:

  1. Un’immagine vivida relativa al passato
  2. Una convinzione negativa riguardo a se stesso
  3. Le emozioni e le sensazioni fisiche connesse

In più deve identificare una convinzione positiva molto importante nelle situazioni di stress e alta emotività durante il trattamento. Il terapeuta aiuta il paziente a valutare il pensiero positivo così come ad intensificare le sensazioni negative.

  • Successivamente, al paziente viene chiesto di concentrarsi sull’immagine, il pensiero negativo e le sensazioni fisiche mentre, contemporaneamente, viene sottoposto al trattamento EMDR usando stimolazioni bilaterali come movimenti degli occhi, colpetti (detto tapping) e suoni (la durata e il tipo di stimolo è diverso per ogni cliente).
  • A questo punto al soggetto viene indicato di prestare semplicemente attenzione a ciò che gli accade spontaneamente: dopo ogni sessione di stimoli, il terapeuta lo invita a lasciare che la sua mente si svuoti e a notare qualsiasi pensiero, sentimento, immagine, ricordo o sensazione si presenti.

A seconda del resoconto del paziente, lo specialista sceglierà l’aspetto successivo su cui concentrarsi e questo processo, consistente in una serie di stimoli incentrati su un unico obiettivo, può ripetersi numerose volte in un’unica sessione.

Se il paziente si sente a disagio o presenta difficoltà nel proseguire, il terapeuta è tenuto a seguire la procedura preposta dal manuale per aiutarlo a tornare sul percorso. In caso in cui ciò non sia efficace allora viene chiesto al paziente di ripensare alla convinzione positiva decisa precedentemente, all’inizio della sessione, chiedendo al paziente di concentrarsi su di essa durante la successiva serie di eventi stressanti.

Vignetta clinica delle fasi 3,4,5,6

La fase 3 del nostro percorso terapeutico con Maria ha rappresentato un passo cruciale nel suo viaggio di guarigione. In questa tappa, l’ho accompagnata nel confrontarsi profondamente con l’immagine traumatica dell’aggressione che aveva vissuto. L’obiettivo era permettere a Maria di esplorare le convinzioni negative che aveva sviluppato su se stessa a seguito dell’evento e le emozioni e sensazioni fisiche connesse a quel ricordo. Insieme, abbiamo individuato una convinzione positiva che Maria poteva utilizzare come ancoraggio durante i momenti di particolare stress ed emotività nel trattamento.

Man mano che approfondivamo il suo stato emotivo, ho osservato l’intensità delle sensazioni negative di Maria. Ho valutato il suo legame con il pensiero positivo che avevamo identificato, per assicurarmi che fosse solido e significativo per lei. A questo punto, abbiamo iniziato il vero e proprio trattamento EMDR: attraverso stimolazioni bilaterali come movimenti oculari, colpetti e suoni, ho guidato Maria nell’elaborazione del trauma.

Dopo ogni serie di stimoli, ho invitato Maria a lasciare andare ogni pensiero e a condividere con me qualsiasi immagine, ricordo, emozione o sensazione che emergesse. Questo ciclo è stato ripetuto molte volte all’interno della stessa sessione. Era essenziale monitorare il benessere di Maria, e in ogni momento in cui percepivo che potesse sentirsi sopraffatta o in difficoltà, mi sono attenuto scrupolosamente alle procedure stabilite per riportarla in uno stato di calma e sicurezza.

Man mano che procedevamo, era importante anche individuare e affrontare eventuali convinzioni negative residue che avrebbero potuto ostacolare il suo processo di elaborazione. Questa attenzione e cura si sono poi estese alla fase 4, durante la quale ho continuato a utilizzare le stimolazioni bilaterali per desensibilizzare ulteriormente il doloroso ricordo dell’aggressione.

Con il progredire della terapia, nella fase 5, il nostro obiettivo era consolidare e rafforzare quella convinzione positiva su se stessa, permettendo a Maria di sostituirla alle precedenti convinzioni negative. E nella fase 6, ho guidato Maria attraverso una “body scan”, un esercizio volto a rilevare e rilasciare eventuali tensioni o sensazioni fisiche residue, assicurandomi che ogni traccia del trauma venisse adeguatamente affrontata e elaborata.

Fase 7

Nella fase sette, fase di chiusura, il terapeuta chiede al paziente di tenere durante la settimana un registro dove documentare qualsiasi materiale inerente che si presenti. L’obiettivo è quello di ricordare al soggetto le attività di gestione del disagio apprese durante la fase 2.

Fase 8

La sessione seguente comincia con la fase otto che consiste nella valutazione dei progressi fatti fino a quel momento. Il trattamento secondo la tecnica EMDR elabora tutte gli eventi storici connessi, gli incidenti attuali che incrementano il disagio e le situazioni future che richiederanno una risposta.

Internet e Videogiochi tra i giovani

Uso Problematico di Internet e dei Videogiochi tra i Giovani: Una Sfida Moderna

Un'analisi sull'uso problematico dei videogiochi tra i giovani, esplorando le cause, le conseguenze e gli interventi possibili …

Trauma e deficit dell'attenzione

Trauma e Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD): Sfide Diagnostiche e Approcci Integrati

Scopri le somiglianze tra sintomi da trauma e ADHD, quali difficoltà di concentrazione, regolazione emotiva e iperattività. …