EMDR: Terapia All’avanguardia per il Trauma – Come Funziona

EMDR: Terapia All’avanguardia per il Trauma – Come Funziona

Questo articolo è stato aggiornato il: 5 Giugno 2023

Introduzione

La salute mentale è un aspetto fondamentale del nostro benessere generale, tuttavia, ci sono molte sfide che possono ostacolare il nostro cammino verso un equilibrio emotivo e psicologico. Traumi, esperienze dolorose e shock emotivi possono lasciare cicatrici profonde, influenzando la nostra percezione di noi stessi e del mondo.

Ma c’è una luce alla fine del tunnel: l’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing). Questa terapia rivoluzionaria offre un approccio unico per affrontare e risolvere i disturbi derivanti da esperienze traumatiche.

In questo articolo, esploreremo insieme le origini, la metodologia e l’efficacia di questa straordinaria terapia, fornendo un’analisi completa di come l’EMDR può aiutare a superare i traumi e a promuovere il benessere psicologico.

Che cos’è l’EMDR e come è nata questa terapia?

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una terapia che si basa sull’utilizzo di movimenti oculari per trattare eventi traumatici. Questo approccio terapeutico è stato sviluppato negli anni ’80 dalla psicologa americana Francine Shapiro, la quale notò come i movimenti oculari potessero ridurre l’intensità delle emozioni negative legate a un evento traumatico.

Il principio fondamentale dell’EMDR è che il trauma può essere visto come un blocco nel sistema nervoso, che impedisce al cervello di elaborare e integrare completamente le informazioni relative all’evento. Attraverso l’utilizzo dei movimenti oculari, la terapia aiuta a sbloccare questo meccanismo e permette al paziente di elaborare in modo più completo gli eventi traumatici.

Questa tecnica non si limita solo all’utilizzo dei movimenti oculari, ma prevede anche l’utilizzo di altre tecniche sensoriali come suoni o stimolazioni tattili. Inoltre, questa terapia prevede una preparazione del paziente prima delle sessioni vere e proprie, durante la quale viene stabilito un rapporto empatico con il terapeuta e vengono fornite informazioni sulle fasi del trattamento.

Quali sono i principi fondamentali?

Questa è una terapia innovativa che si basa sulla desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari. Uno dei principi fondamentali dell’EMDR è la convinzione che ogni individuo abbia in sé le risorse necessarie per superare eventi traumatici. L’intervento del terapeuta consiste nel facilitare l’accesso a tali risorse, permettendo al paziente di elaborare il trauma in modo autonomo.

Il disturbo da stress post traumatico rappresenta uno dei campi di applicazione principali dell’EMDR. Grazie alla sua efficacia nella riduzione dei sintomi legati ai ricordi traumatici, questa terapia ha ottenuto importanti risultati nella cura di pazienti affetti da PTSD. In particolare, l’utilizzo della tecnica degli eye movement consente di disattivare gli schemi cognitivi negativamente condizionati dal trauma, favorendo un processo di ristrutturazione mentale più adattivo.

Un altro principio fondamentale riguarda la centralità attribuita all’esperienza soggettiva del paziente. Il trattamento viene infatti personalizzato in base alle esigenze specifiche del singolo individuo, tenendo conto delle sue emozioni e sensazioni fisiche durante le sessioni terapeutiche. Questo approccio empatico permette al paziente di sentirsi ascoltato e compreso nel suo vissuto emotivo, favorendo così un maggior coinvolgimento attivo nel processo curativo.

Come funziona l’EMDR nel trattamento del trauma?

L’EMDR è una terapia che si basa sulla capacità del cervello di guarire dalle ferite emotive. Infatti, quando un evento traumatico viene vissuto, lascia delle cicatrici nel cervello che possono causare patologie psicologiche come l’ansia o la depressione: aiuta a riparare queste cicatrici e a liberarsi dai sintomi associati al trauma.

Durante le sessioni, il paziente ricorda l’evento traumatico mentre contemporaneamente segue con gli occhi i movimenti della mano dell’operatore. Questa tecnica permette al paziente di rielaborare l’esperienza traumatica in modo da ridurre il suo impatto emotivo e cognitivo. In questo modo, il paziente può elaborare meglio l’evento traumatico e superarlo.

La durata del trattamento varia in base alla gravità del trauma e alle esigenze specifiche del paziente. Tuttavia, generalmente richiede meno tempo rispetto ad altre terapie tradizionali per il trauma perché si concentra sull’elaborazione dell’evento piuttosto che sulle emozioni negative associate ad esso. Inoltre, molti studi hanno dimostrato che i risultati ottenuti con l’EMDR sono duraturi nel tempo e non c’è bisogno di continuare la terapia a lungo termine.

• è una terapia che sfrutta la capacità del cervello di guarire dalle ferite emotive.
• Le cicatrici emotive causate da eventi traumatici possono portare a patologie psicologiche come ansia e depressione.
• aiuta il paziente a riparare queste cicatrici ed eliminare i sintomi associati al trauma.
• Durante le sessioni, il paziente ricorda l’evento traumatico mentre segue con gli occhi i movimenti della mano dell’operatore.
• Questa tecnica permette al paziente di rielaborare l’esperienza traumatica in modo da ridurre il suo impatto emotivo e cognitivo.
• La durata del trattamento varia in base alla gravità del trauma e alle esigenze specifiche del paziente.
• Tuttavia, generalmente richiede meno tempo rispetto ad altre terapie tradizionali per il trauma perché si concentra sull’elaborazione dell’evento piuttosto che sulle emozioni negative associate ad esso.
• Molti studi hanno dimostrato che i risultati ottenuti con l’EMDR sono duraturi nel tempo e non c’è bisogno di continuare la terapia a lungo termine.

Quali sono i sintomi del trauma che possono essere trattati con l’EMDR?

Il Metodo EMDR si è dimostrato efficace nel trattamento di vari sintomi del trauma. Questi includono, ma non sono limitati a: flashbacks, incubi ricorrenti, ipervigilanza, evitamento dei luoghi o delle situazioni che ricordano l’evento traumatico e reazioni emotive intense quando il soggetto viene esposto a stimoli che lo fanno rivivere l’evento.

L’approccio terapeutico dell’EMDR si basa sulla rielaborazione dei ricordi legati all’evento traumatico in modo da ridurre i sintomi associati ad esso. Con questa metodologia il paziente impara gradualmente a sperimentare una diminuzione della reattività emotiva negativa nei confronti degli stimoli associati al trauma.

Eventi traumatici come abusi sessuali o fisici durante l’infanzia e attacchi terroristici possono essere affrontati con successo attraverso la terapia EMDR. In particolare, questa terapia può aiutare le persone colpite dal disturbo post-traumatico da stress (PTSD) ad elaborare i loro traumi e migliorare la qualità della vita.

Quali sono le fasi del trattamento EMDR?

Durante il trattamento, il paziente viene guidato attraverso una serie di fasi specifiche. La prima fase consiste nell’identificare l’evento traumatico che ha causato lo stress o il disturbo attuale del paziente. In questa fase, il terapeuta aiuta il paziente a stabilire un obiettivo per la terapia e ad acquisire le abilità necessarie per gestire eventuali sintomi di stress che potrebbero emergere durante le sessioni.

La seconda fase prevede la preparazione del paziente alla terapia. Durante questa fase, il terapeuta insegna al paziente tecniche di rilassamento e strategie per affrontare i ricordi dolorosi dell’evento traumatico. Il paziente impara a mantenere un equilibrio emotivo durante le sessioni di EMDR e viene incoraggiato a esprimere liberamente i suoi pensieri ed emozioni.

Nella terza fase inizia la vera e propria desensibilizzazione dei ricordi traumatici attraverso l’utilizzo delle tecniche EMDR. Il terapeuta guida il paziente nel concentrarsi sul ricordo doloroso mentre contemporaneamente gli fa seguire con gli occhi uno stimolo visivo ripetitivo (ad esempio muovendo rapidamente una mano). Questa tecnica permette al cervello di elaborare l’informazione in modo più efficiente ed efficace, riducendo così lo stress associato all’evento traumatico.

Come avviene la preparazione del paziente prima delle sessioni?

Prima di iniziare le sessioni, il terapeuta deve preparare adeguatamente il paziente. In particolare, è importante che il professionista spieghi al paziente cosa aspettarsi dalla terapia e come funziona l’EMDR nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico. Il terapeuta deve anche rassicurare il paziente sulla sicurezza della terapia e sui possibili effetti collaterali.

Inoltre, durante la fase di preparazione, il paziente viene invitato a identificare l’evento traumatico o gli eventi che hanno causato i sintomi del disturbo da stress post-traumatico. Questa fase è fondamentale perché aiuta a focalizzare la terapia su un evento specifico e permette al paziente di comprendere meglio come l’evento ha influenzato la sua vita.

Infine, prima delle sessioni, il terapeuta spiega al paziente come funzionano i movimenti oculari nella stimolazione bilaterale dei due emisferi cerebrali. È importante che il paziente comprenda che questi movimenti non sono magici ma sono basati sulle conoscenze scientifiche riguardanti la plasticità cerebrale e possono aiutare a ridurre i sintomi del disturbo da stress post-traumatico attraverso una riorganizzazione delle reti neuronali coinvolte nell’elaborazione dell’evento traumatico.

Quali sono le tecniche utilizzate durante le sessioni di EMDR?

Durante le sessioni, il terapeuta utilizza diverse tecniche per aiutare il paziente a elaborare e integrare i ricordi traumatici. Una delle principali tecniche è la stimolazione bilaterale, che può avvenire attraverso movimenti oculari, suoni o tocchi alternati sui due lati del corpo. Questa tecnica sembra avere un effetto calmante sul sistema nervoso autonomo e favorisce l’elaborazione dei ricordi traumatici.

Un’altra tecnica utilizzata durante le sessioni è la ripetizione dell’esposizione immaginaria al ricordo traumatico. Il terapeuta chiede al paziente di rivivere mentalmente l’esperienza dolorosa, ma contemporaneamente gli fornisce supporto emotivo e cognitivo per affrontarla in modo più efficace. In questo modo si cerca di modificare le cognizioni negative legate all’evento traumatico.

Durante le sessioni, il terapeuta può anche lavorare sulla riduzione dell’ansia associata ai ricordi traumatici attraverso tecniche come la respirazione diaframmatica o la rilassamento muscolare progressivo. L’obiettivo è quello di aiutare il paziente a gestire meglio lo stress e ad acquisire nuove competenze per affrontarlo in futuro. In questo modo si mira non solo alla risoluzione del trauma passato, ma anche alla prevenzione della sua recidiva nel futuro prossimo o remoto.

Come si svolgono le sessioni?

Durante le sessioni di Psicoterapia EMDR, il paziente viene invitato a concentrarsi sul ricordo traumatico e sulle emozioni ad esso associate. L’obiettivo è quello di riprocessare l’esperienza attraverso la stimolazione bilaterale degli emisferi cerebrali, che può avvenire tramite movimenti oculari, suoni o tocchi alternati sulla mano sinistra e destra.

Il terapeuta guida il paziente nel processo di riprocessing del trauma, aiutandolo a individuare i pensieri negativi associati all’esperienza dolorosa e sostituirli con pensieri positivi. Questa fase è importante per ridurre la sensazione di impotenza e disperazione legata al ricordo traumatico.

Durante le sessioni possono emergere anche altre problematiche correlate alla depressione o al cambiamento nella vita del paziente. Il terapeuta è in grado di gestire queste situazioni in modo adeguato, integrando eventualmente altri approcci psicoterapeutici per una cura globale della persona.

Quali sono i risultati che si possono ottenere con l’EMDR?

L’Eye Movement Desensitization and Reprocessing è una terapia che ha dimostrato di essere efficace nel trattamento del Disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e di altri disturbi legati al trauma. Grazie alla sua tecnica innovativa, il Metodo consente ai pazienti di elaborare e integrare le esperienze traumatiche in modo rapido ed efficace.

La Tecnica EMDR si basa sulla stimolazione bilaterale degli emisferi cerebrali attraverso l’utilizzo di movimenti oculari, suoni o tocchi alternati. Questa stimolazione permette al cervello di elaborare i ricordi traumatici in modo più efficiente, favorendo la loro integrazione nella memoria a lungo termine.

I risultati ottenuti con l’EMDR sono stati ampiamente documentati dalla ricerca scientifica: numerosi studi hanno dimostrato che questa terapia è altamente efficace nel ridurre i sintomi del PTSDe migliorare la qualità della vita dei pazienti affetti da questo disturbo. Inoltre, l’EMDR può essere utilizzato anche per il trattamento di altri disturbi legati al trauma, come ad esempio il Disturbo d’ansia generalizzata (DAG) o la Depressione maggiore.

Quali sono le controindicazioni dell’EMDR?

L’EMDR è una terapia che si basa sulla stimolazione alternata dei due emisferi cerebrali attraverso esercizi oculari, sonori o tattili. Nonostante sia considerata una delle terapie più efficaci nel trattamento del trauma, presenta alcune controindicazioni da tenere in considerazione.

Innanzitutto, l’EMDR non è adatta a tutti i pazienti e può essere controindicata in caso di disturbi psichiatrici gravi come la schizofrenia o il disturbo bipolare. Inoltre, se il trauma risale all’infanzia e il paziente ha difficoltà a ricordare gli eventi traumatici, l’EMDR potrebbe non essere la scelta migliore.

Un’altra possibile controindicazione riguarda le reazioni avverse che possono manifestarsi durante le sessioni di EMDR. Alcuni pazienti infatti possono provare un aumento dell’ansia o della tensione emotiva durante la stimolazione alternata, motivo per cui è importante valutare attentamente ogni singolo caso prima di procedere con questa terapia.

Nonostante queste possibili controindicazioni, l’EMDR rimane comunque una delle opzioni terapeutiche più efficaci per trattare i traumi e gli eventi stressanti. Tuttavia, come sempre accade in campo medico-psicologico, è fondamentale rivolgersi a professionisti specializzati ed esperti nell’utilizzo di questa tecnica per garantire un intervento personalizzato e sicuro per ogni singolo paziente.

EMDR è una terapia adatta a tutti i pazienti?

L’EMDR è una terapia che può essere utilizzata per trattare il trauma e altri disturbi psicologici. Tuttavia, non tutti i pazienti sono candidati ad essa. Ad esempio, persone con gravi problemi di salute mentale o fisica potrebbero non essere in grado di sottoporsi a questa terapia.

Ci sono anche alcune condizioni mediche che possono rendere l’EMDR meno efficace o addirittura controindicata. Ad esempio, se un paziente ha subito lesioni cerebrali traumatiche che hanno danneggiato gli emisferi cerebrali o altre strutture neurali importanti per la memoria coerente, potrebbe avere difficoltà nell’utilizzare l’EMDR.

Tuttavia, molti studi scientifici hanno dimostrato l’efficacia dell’EMDR nel trattamento del trauma e della memoria disfunzionale in molte diverse popolazioni di pazienti. Pertanto, è importante discutere con il proprio medico o professionista della salute mentale se l’EMDR sia una scelta appropriata per le proprie esigenze individuali prima di intraprendere qualsiasi tipo di intervento terapeutico.

Quali sono le differenze tra l’EMDR e altre terapie del trauma?

L’Eye Movement Desensitization and Reprocessing si differenzia dalle altre terapie del trauma per il suo approccio integrativo che considera la dimensione cognitiva, emotiva e fisica dell’esperienza traumatica. Mentre molte terapie si concentrano principalmente sulle emozioni negative associate al trauma, l’EMDR lavora anche sui pensieri e convinzioni disfunzionali che sono stati acquisiti in seguito all’evento stressante. In questo modo, la terapia mira a modificare le credenze limitanti che possono mantenere il paziente intrappolato nel disagio emotivo.

Un’altra caratteristica distintiva dell’EMDR è l’utilizzo di stimoli bilaterali come movimenti oculari o suoni alternati per facilitare l’integrazione delle informazioni traumatiche nella memoria a lungo termine. Questo processo permette al paziente di elaborare gli eventi passati in modo più completo ed efficace rispetto ad altre tecniche di esposizione graduale o ristrutturazione cognitiva.

Infine, l’approccio collaborativo della terapia implica un coinvolgimento attivo del paziente nel processo di guarigione. Il professionista non agisce da esperto esterno ma guida il paziente nell’esplorazione delle proprie esperienze interne e lo supporta nella costruzione di nuove risorse personali per affrontare situazioni difficili future. Ciò favorisce una maggiore autonomia e fiducia nel proprio potenziale di recupero psicologico.

Quali sono le evidenze scientifiche che supportano l’efficacia dell’EMDR?

Numerose ricerche scientifiche hanno dimostrato l’efficacia dell’EMDR nel trattamento del disturbo d’ansia, in particolare nell’ansia post-traumatica. Uno studio condotto su 22 pazienti ha evidenziato una significativa riduzione dei sintomi ansiosi e depressivi dopo soli tre mesi di terapia con EMDR.

Inoltre, un altro studio condotto su 24 pazienti affetti da ansia post-traumatica ha mostrato che la terapia con EMDR è stata più efficace rispetto ad altre forme di psicoterapia tradizionali, come la terapia cognitivo-comportamentale.

Anche i sintomi depressivi possono essere alleviati attraverso l’utilizzo dell’EMDR. Uno studio clinico randomizzato controllato ha dimostrato che questa forma di terapia può portare a una significativa riduzione dei sintomi depressivi nei pazienti affetti da disturbo depressivo maggiore.

L’evidenza scientifica supporta quindi l’utilizzo dell’EMDR come approccio valido ed efficace nel trattamento di diversi disturbi legati al trauma. La sua capacità di agire sui sintomi ansiosi e depressivi lo rende particolarmente utile per migliorare la qualità della vita dei pazienti che ne soffrono.

Dove trovare un professionista specializzato

Per trovare un professionista specializzato in EMDR, è possibile rivolgersi ad associazioni professionali come l’EMDR Italia o l’EMDR Milano. Queste organizzazioni hanno elenchi di psicologi e psicoterapeuti che hanno completato la formazione in EMDR e sono qualificati per fornire il trattamento.

È importante scegliere un professionista che abbia una solida formazione teorica ed esperienza pratica nell’utilizzo dell’EMDR. Inoltre, il terapeuta dovrebbe essere accreditato EMDR Italia e avere il titolo di Practitioner o da altre istituzioni riconosciute a livello internazionale come l’EMDR Europe come la drssa Beatrice Dugandzija.

Il processo decisionale nella scelta del professionista giusto può richiedere tempo e ricerca, ma è fondamentale assicurarsi che si stia lavorando con un esperto altamente qualificato. L’EMDR comporta cambiamenti neurobiologici e cognitivi significativi nel paziente, quindi è importante affidarsi solo a professionisti competenti per garantire i risultati migliori possibili dalla terapia.

Domande Frequenti FAQ

Che cos’è l’EMDR e come funziona?

L’EMDR (Eye Movement Desensitization and Reprocessing) è una terapia che utilizza la stimolazione bilaterale, come i movimenti oculari o dei suoni, per ridurre i sintomi del trauma. Il paziente viene invitato a ripensare all’evento traumatico e ad associare alle sensazioni fisiche e emotive che ne derivano. L’obiettivo è di integrare le informazioni traumatiche nel sistema nervoso centrale, riducendo così i sintomi del disturbo post-traumatico da stress.

Quali sono i principi fondamentali?

Gli otto principi fondamentali dell’EMDR sono: l’accesso alle risorse, la valutazione del disturbo, la preparazione del paziente, la stimolazione bilaterale, la riprocessing, l’integrazione, la chiusura e la rielaborazione.

Quali sono i sintomi del trauma che possono essere trattati con questa tecnica?

I sintomi del trauma che possono essere trattati con l’EMDR includono: flashback, evitamento, iperattivazione, ansia, depressione, disturbi del sonno, sensazione di disconnessione emotiva.

Quali sono le tecniche utilizzate durante le sessioni?

Le tecniche utilizzate durante le sessioni di EMDR includono la stimolazione bilaterale, la visualizzazione guidata, la ripetizione di frasi positive e la valutazione del livello di stress.

Come si svolgono le sessioni?

Le sessioni di EMDR si svolgono in una stanza tranquilla e confortevole, di solito durano da 60 a 90 minuti e consistono in una valutazione del disturbo, una preparazione del paziente, la riprocessing e l’integrazione.

Quali sono le controindicazioni?

Le controindicazioni dell’EMDR includono: disturbi psicotici, abuso di sostanze, disturbi di personalità gravi e bassa tolleranza alla stimolazione bilaterale.

E’ una terapia adatta a tutti i pazienti?

L’EMDR non è adatto a tutti i pazienti. I pazienti che hanno subito un trauma recente, hanno un forte supporto sociale e non presentano disturbi di personalità gravi hanno maggiori possibilità di trarre beneficio dalla terapia.

Quali sono le differenze tra l’EMDR e altre terapie del trauma?

L’EMDR si differenzia dalle altre terapie del trauma per l’uso della stimolazione bilaterale, che viene utilizzata per accelerare il processo di riprocessing delle informazioni traumatiche.

Quali sono le evidenze scientifiche che supportano l’efficacia di questa tecnica?

Ci sono numerose ricerche che dimostrano l’efficacia dell’EMDR nel trattamento del disturbo post-traumatico da stress.

Dove trovare un professionista specializzato in EMDR?

Per trovare un professionista specializzato in EMDR, si consiglia di cercare su siti web specializzati o di rivolgersi a associazioni di categoria, come la EMDR Italia di cui fa parte la Drssa Beatrice Dugandzija.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Internet e Videogiochi tra i giovani

Uso Problematico di Internet e dei Videogiochi tra i Giovani: Una Sfida Moderna

Un'analisi sull'uso problematico dei videogiochi tra i giovani, esplorando le cause, le conseguenze e gli interventi possibili …

Trauma e deficit dell'attenzione

Trauma e Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD): Sfide Diagnostiche e Approcci Integrati

Scopri le somiglianze tra sintomi da trauma e ADHD, quali difficoltà di concentrazione, regolazione emotiva e iperattività. …

Dissociazione e Disturbi Dissociativi nella Depressione: la Depressione Dissociativa

Depressione Dissociativa e Dissociazione: i Disturbi Dissociativi nella Depressione

Scopri la depressione dissociativa: come i traumi possono causare sintomi dissociativi e alterare la nostra percezione della …