Come funziona l’EMDR: una terapia rivoluzionaria per i traumi

Come funziona l’EMDR: una terapia rivoluzionaria per i traumi

Questo articolo è stato aggiornato il: 27 Giugno 2023

Sono estremamente felice di potervi accogliere nella mia guida completa e dettagliata su come funziona l’EMDR.

EMDR, è un acronimo che rappresenta Eye Movement Desensitization and Reprocessing, ovvero la procedura di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari. Questa rivoluzionaria forma di terapia è l’argomento centrale dell’articolo che sto per presentarvi oggi.

Sono qui con l’intento di fornirvi informazioni accurate e comprensibili su come funziona l’EMDR, un metodo all’avanguardia che sta trasformando il campo della psicoterapia. Vi spiegherò in modo chiaro e conciso come funziona questa tecnica, delineando ogni fase del processo, dalla prima sessione all’ultima. E non solo, vi presenterò anche i numerosi benefici di questa terapia, dalla sua capacità di affrontare e risolvere traumi profondi, fino ai vantaggi nel gestire lo stress quotidiano.

Il mio scopo, in questa guida, è di aiutarvi a comprendere a pieno il potenziale e le applicazioni pratiche dell’EMDR e spero a rispondere alla domanda, che molti miei pazienti mi fanno, su come funziona l’EMDR. Desidero che possiate cogliere l’efficacia di questa tecnica, che sta migliorando la vita di moltissime persone, e che possiate vedere come possa fare la differenza anche nel vostro percorso di guarigione.

Inoltre, vi fornirò tutte le risorse necessarie per intraprendere questo viaggio, che potrebbe risultare cruciale per la vostra salute mentale e il vostro benessere generale. La mia speranza è che questa guida possa diventare un punto di riferimento per voi, una sorta di bussola che vi aiuti a navigare verso una comprensione più profonda di voi stessi e del processo terapeutico dell’EMDR. Grazie per avermi scelta come vostra guida in questo emozionante viaggio di scoperta e guarigione.

Una breve guida su Come funziona l’EMDR

Che cos’è l’EMDR?

L’EMDR è un trattamento terapeutico ampiamente riconosciuto e inserito in diverse linee guida, come testimoniato da numerose pubblicazioni. La sua sigla sta per “Eye Movement Desensitization and Reprocessing“, che in italiano significa “Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso i Movimenti Oculari”.

Questo approccio terapeutico si è dimostrato particolarmente efficace nel trattamento di disturbi legati a eventi traumatici, come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

Il termine “Eye Movement” si riferisce ai movimenti oculari che vengono utilizzati durante una sessione di EMDR. Durante il trattamento, il terapeuta guida il paziente a seguire con gli occhi una serie di movimenti laterali o stimoli bilaterali, come luci che si accendono e si spengono o tocchi alternati sulle mani. Questi movimenti oculari sono considerati un elemento chiave dell’EMDR e si ritiene che contribuiscano alla riduzione dell’intensità emotiva associata ai ricordi traumatici.

Il termine “Desensitization” si riferisce alla riduzione dell’intensità emotiva associata ai ricordi traumatici. Durante una sessione di EMDR, il paziente viene esposto in modo controllato al ricordo del trauma o dell’esperienza negativa, mentre si sottopone ai movimenti oculari o agli stimoli bilaterali. Questo processo mira a desensibilizzare il paziente rispetto al ricordo traumatico, riducendo l’ansia e l’intensità emotiva associata ad esso.

Il termine “Reprocessing” si riferisce alla rielaborazione dell’esperienza traumatica nel sistema di memoria. Durante una sessione di EMDR, il paziente viene guidato a ripensare al trauma o all’esperienza negativa mentre si sottopone ai movimenti oculari o agli stimoli bilaterali. Questo processo sembra facilitare la rielaborazione dell’esperienza traumatica, consentendo al paziente di integrare l’esperienza nel suo sistema di memoria in modo più adattivo.

Come funziona l’EMDR?

La terapia basata sull’EMDR si sviluppa in diverse fasi, ciascuna delle quali ha un obiettivo specifico nell’aiutare il paziente a elaborare e superare l’evento traumatico.

  • Nel corso delle prime sedute, l’attenzione è posta sulla costruzione di una solida relazione terapeutica, che favorisce la fiducia reciproca tra il paziente e il terapeuta. In questa fase, vengono valutate le condizioni del paziente e la sua idoneità per il trattamento EMDR, oltre a esplorare la sua storia personale e gli eventi di vita da cui il malessere ha avuto origine.
  • Successivamente, viene fornita al paziente una chiara spiegazione dell’EMDR, consentendogli di acquisire un consenso informato al trattamento. Durante questo periodo, vengono sviluppate le risorse interne del paziente e viene eseguita l’installazione del “posto al sicuro”, che permette di creare un senso di sicurezza e protezione durante il processo terapeutico.

Questa fase preparatoria è fondamentale per stabilire una base solida prima di affrontare direttamente il materiale traumatico.

  • Una volta completata la fase di preparazione, il terapeuta guida il paziente nell’identificazione della parte peggiore dell’evento traumatico, compresi i pensieri, le emozioni e le sensazioni fisiche ad esso associati. Questo passaggio è cruciale per definire l’obiettivo terapeutico specifico e focalizzare l’elaborazione sull’evento traumatico scelto.

A questo punto, si inizia la stimolazione bilaterale, che costituisce il cuore dell’EMDR. La stimolazione bilaterale può avvenire attraverso movimenti oculari, tamburellamenti sulle mani o suoni alternati tramite auricolari o cuffie.

  • Durante questa fase, il paziente è invitato a seguire la stimolazione e a notare le reazioni, gli pensieri, le emozioni, le immagini e le sensazioni corporee che emergono. La stimolazione bilaterale favorisce l’elaborazione dell’evento traumatico e facilita l’integrazione delle informazioni nel sistema cognitivo ed emotivo del paziente.

Mentre il processo terapeutico prosegue, la desensibilizzazione dell’evento traumatico si completa, e si passa alla fase di rielaborazione cognitiva.

  • Durante questa fase, il paziente viene guidato nell’esplorare e riconnettersi con pensieri più adattivi e positivi riguardo all’evento traumatico. L’obiettivo è trasformare l’esperienza traumatica in un ricordo del passato, riducendo le emozioni negative ad esso associate e favorendo una prospettiva più equilibrata e positiva.

Infine, viene dedicata una fase di rafforzamento delle risorse interne del paziente e dell’idea più positiva emersa durante il trattamento. Si verifica se persistono sensazioni corporee disturbanti, e in caso affermativo, si continua con la stimolazione bilaterale fino a che non si ottiene la loro scomparsa.

Questo processo aiuta il paziente a consolidare i cambiamenti positivi e a sviluppare strategie per gestire il proprio benessere fino alla seduta successiva.

Durata e Benefici del Trattamento EMDR

La durata di un trattamento con EMDR varia a seconda di diversi fattori, come la natura del problema, le circostanze di vita, il numero di eventi traumatici subiti e la loro entità. Alcuni pazienti possono beneficiare di un percorso breve, mentre altri potrebbero richiedere un trattamento più lungo, soprattutto in caso di problematiche complesse che richiedono un accesso graduale. La flessibilità dell’EMDR consente di adattare il trattamento alle esigenze individuali di ciascun paziente.

I benefici dell’EMDR sono molteplici. Attraverso questo trattamento, i pazienti possono sperimentare una significativa riduzione delle emozioni sgradevoli e delle sensazioni corporee associate all’evento traumatico. L’EMDR favorisce l’integrazione dell’esperienza traumatica nel passato, permettendo al paziente di liberarsi dal peso del trauma e di iniziare a costruire una prospettiva più positiva per il futuro. L’approccio EMDR può anche migliorare la capacità di gestione dello stress e promuovere un senso di benessere generale.

I vantaggi della tecnica

L’importanza dell’EMDR risiede nella sua capacità di trattare i disturbi legati ai traumi e alle esperienze negative in modo rapido ed efficace.

Per quali patologie è efficace

Uno dei principali vantaggi dell’EMDR è la sua efficacia nel trattamento del disturbo da stress post-traumatico (PTSD) .

Numerosi studi hanno dimostrato che l’EMDR può ridurre significativamente i sintomi del PTSD e migliorare la qualità della vita dei pazienti . Questo è particolarmente importante considerando che il PTSD può avere un impatto significativo sulla salute mentale e sul funzionamento quotidiano delle persone colpite.

Inoltre, l’EMDR è stato utilizzato con successo per il trattamento di altri disturbi, come l’ansia, la depressione e i disturbi legati al panico . Questa versatilità rende l’EMDR un approccio terapeutico prezioso per una vasta gamma di problemi psicologici.

Elaborazione Traumatica

Un altro aspetto rilevante dell’EMDR è la sua capacità di favorire l’elaborazione e l’integrazione dell’esperienza traumatica nel sistema di memoria.

Durante una sessione di EMDR, il paziente viene guidato a ripensare al trauma o all’esperienza negativa mentre si sottopone a movimenti oculari o stimoli bilaterali. Questo processo sembra facilitare la rielaborazione dell’esperienza traumatica, consentendo al paziente di ridurre l’intensità emotiva associata al ricordo e di integrare l’esperienza nel suo sistema di memoria.

Breve durata del percorso terapeutico

Inoltre, l’EMDR è un approccio terapeutico relativamente breve. Molti pazienti riportano un miglioramento significativo dei sintomi dopo poche sessioni di EMDR .

Questo può essere particolarmente vantaggioso per i pazienti che desiderano un trattamento più rapido o che hanno difficoltà a impegnarsi in terapie a lungo termine.

Evidence Based Therapy

Infine, l’EMDR è supportato da un solido corpo di evidenze scientifiche che ne dimostrano l’efficacia. Numerosi studi controllati hanno confermato l’efficacia dell’EMDR nel trattamento del PTSD e di altri disturbi correlati . Questo fornisce una base solida per l’utilizzo dell’EMDR come approccio terapeutico affidabile e valido.

Conclusioni su come funziona l’EMDR

Nella guida che ho preparato per voi, ho cercato di fornire una panoramica completa ed esauriente sull’EMDR, ovvero la procedura di desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari. Il mio sincero desiderio è che queste informazioni dettagliate vi abbiano aiutato a capire meglio questa efficace tecnica terapeutica.

L’EMDR è un approccio ampiamente supportato da prove scientifiche solide, che può portare sollievo a coloro che hanno vissuto esperienze traumatiche e desiderano intraprendere un percorso di guarigione. L’importante è affidarsi con fiducia ad un terapeuta EMDR esperto e formato secondo le linee guida dell’Associazione EMDR Italia e dell’EMDR Europe.

Se siete incuriositi e desiderate approfondire la vostra conoscenza sull’EMDR e sul suo ruolo all’interno della terapia psicologica, vi incoraggio vivamente a consultare le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Inoltre, potete esplorare il libro “EMDR Revolution – Cambiare la propria vita un ricordo alla volta” di T. Croitoru, disponibile presso l’editore Mimesis, un’ottima risorsa per approfondire l’argomento.

Write a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Internet e Videogiochi tra i giovani

Uso Problematico di Internet e dei Videogiochi tra i Giovani: Una Sfida Moderna

Un'analisi sull'uso problematico dei videogiochi tra i giovani, esplorando le cause, le conseguenze e gli interventi possibili …

Trauma e deficit dell'attenzione

Trauma e Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD): Sfide Diagnostiche e Approcci Integrati

Scopri le somiglianze tra sintomi da trauma e ADHD, quali difficoltà di concentrazione, regolazione emotiva e iperattività. …